Internet apri nuovi cammini all’artista plastico

L'artista Bruno Lechowski era visionario al suo tempo

L’artista Bruno Lechowski era visionario al suo tempo

Web è stato il tema della tesi www.parana.e-mail.art.br, una delle prime ricerche sull’Internet come uno strumento di diffusione utilizzato dagli artisti provenienti del Paraná.

Lo studio è stato presentato in un corso di specializzazione presso la Scuola di Musica e Belle Arti di Parana (EMBAP), a Curitiba, nel 2007. Attraverso l’indagine, la giornalista Mari Weigert ha rilevato che in quel momento solo il 10% degli artisti provenienti del Paraná, in un universo di 200 nomi intervistati, stava utilizzando le risorse tecnologiche dell’Internet. In un nuovo aggiornamento, sei anni dopo le osservazioni erano già cambiate di forma radicale.

Profili che sono stati oggetti della ricerca, come di Leila Pugnaloni, Tom Lisboa, Claudia Lara, Katia Velo, Jose Antonio Lima, Rogério Dias, tra gli altri, che hanno usato solo la posta elettronica e portafogli virtuali tra 2005 a 2007,  sono già presenti in Facebook (Orkut è in corso di decadimento, Google + non ha segnato Brasile, in questa epoca) con l’interazione quotidiana con il loro pubblico, con un numero molto significativo di amici, contatti professionali ed entità.

Le comunità da ogni artista (alcuni non lasciano vedere il numero dei partecipanti) vanno da 500 a oltre 2000 persone in contatto reciproco.

Con questo pubblico diario il risultato è immediato.

L’artista Leila Pugnaloni tutti i giorni fa aggiornamento nel suo profilo e mette le sue creazione online. Leila ha adottato la tecnologia e l’usa sempre. “Ho già venduto opere presentando nel social network con accesso a tutte le persone”, dice.

“Una volta un utente dell’Internet, che non faceva parte della mia comunità, ha comprato un’opera mia, perché a lui piaceva. Io la avevo sposta in quel giorno. Abbiamo concordato tutto online, il prezzo e la spedizione per posta,” rivela. Leila la mattina, dopo che si sveglia, va al suo studio e si mette a creare, disegna linee sulla carta e dopo il disegno finito, scansiona e copia al computer.

In effetti, la domanda principale delle tesi www.parana.e-mail.art.br è se l’Internet toglierà la forza delle organizzazioni tradizionali come i musei e i saloni della cultura, nella proiezione di nuovi artisti nei prossimi anni.

Una domanda che rimase senza risposta immediata e richiede costante aggiornamento, o quindi con la possibilità di essere risolta dopo 50 anni. La ricerca inizia confrontando il comportamento del pittore Brunon Bronislaw Lechowsk (1887-1841), nato a Varsavia, in Polonia, con i comportamenti degli artisti contemporanei. L’introduzione dice:

“Se il pittore Brunon Bronislaw Lechowsk (1887-1941), nato a Varsavia, in Polonia, che ha vissuto alcuni anni in Parana, conoscesse la tecnologia virtuale avrebbe una visione diversa riguardo ai suoi ideali e sarebbe probabilmente navigato a vari luoghi del mondo con @. com.

Quindi, Lechowski era un visionario del suo tempo e ha voluto mostrare al mondo che riusciva a liberarsi da un processo sociale incassato a principi definiti dalle istituzioni. Ha viaggiato per il mondo ed è rimasto 16 anni in Brasile.

Per raggiungere il suo obiettivo di raccogliere fondi per creare La Casa Internazionale dell’Artista, è stato necessario costruire un atelier itinerante per viaggiare in diversi paesi ad esempio: una tenda che potrebbe essere inserita sui parchi, giardini, e anche questa tenda era la sua abitazione durante il viaggio e con lo spazio per le sue mostre.

Chi è Bruno Lechowski

La ragione di citare Lechowski nella ricerca dell’universo online, è quello di valutare le differenze temporale e comportamentale nel genero umano.

“Oggi per l’artista, il mouse e lo schermo del computer apre la porta a un nuovo spazio. Uno spazio dove il corpo e la macchina vivono in simbiosi, che fa un uomo vivere in un altro livello di coscienza, un territorio libero, senza leggi e sistemi culturali.

Tutto vale nel virtuale, menzogna, verità, la guerra in giochi o in effetti, la violenza, armonia e bellezza. La ricerca è servita a documentare un momento della storia, molto passeggero anche perché il World Wide Web è davvero una risorsa tecnologica efficiente, ma i cervelli inquieti e visionari non si fermano niente e stanno cercando nuovi mezzi di interazione tra uomo e macchina.”

Considerazioni finali

La ricerca www.parana.e-meio.art.br fa emergere nello scenario delle arti il tema contemporaneo del rapporto tra uomo / macchina sottolineando l’uso dell’ Internet nel quotidiano dell’ artista che vive in Paranà, evidenziando i siti, blog, portfolio , fotolog, prodotti nella regione.

Per completare questo studio sull’uso della rete dagli artisti del Paraná e il loro rapporto con la tecnologia, è necessario tornare all’introduzione della ricerca, che confronta i mezzi che Lechowski ha incontrato per raggiungere il suo ideale, con i nuovi mezzi utilizzati dagli artisti di oggi.

La opera d’arte in tempo reale nella web

Lechowski ha avuto bisogno di trasportarsi di modo fisico, con il suo corpo e il suo equipaggiamento.

Gli artisti ai giorni nostri non hanno bisogno di lasciare il loro posto e attraversare i confini per presentare le loro opere al mondo. La digitalizzazione, il pixel, fanno i miracoli dei colori e riproducono copie identiche degli originali rapidamente e le inviano al punto in cui l’utente desidera.

Supportati sui vantaggi dell’ Internet, l’artista moderno cerca lo stesso ideale di Lechowski vivendo in un’ altra epoca, in altro mondo, adesso, non con le tende costruite a mano, ma con i codici come www. HTML, @, com, org., infine, sia qualsiasi cosa, tutti i possibili segni che utilizza il web, in modo che in pochi secondi, l’interazione tra pubblico/arte sarà realizzato.

Tempi diversi e comportamenti diversi.

“Siamo fatti e rifatti dalle nostre invenzioni”, ha detto Derrik Kerckhov (1997), in La pelle della cultura, quando fa un attento esame sull’importanza attuale del computer alla cultura della media elettronica,perché è il punto di approccio dei e nei rapporti tra tutti i mezzi elettronici.

La riflessione di Kerckhov ci rimette al pensiero dell’ antropologo francese Lévi-Strauss, per il gioco di carte.

Tanto Bruno Lechowski era giocatore, come gli artisti del mondo contemporaneo sono i giocatori. Lui ha avuto, e i nuovi hanno nelle mani carte che non sono inventate da loro, perché il gioco di carte è un fatto della storia e della civiltà. In ogni caso, il tipo di gioco era ed è lo stesso: la ricerca della libertà nell’arte senza confini. In caso di Lechowski, la storia ci mostra che il fattore tempo e luogo ha interferito nei suoi obiettivi. Oggi, il tempo e lo spazio sono infiniti.

Al di là della materia

In questo caso, “La rete della misura del mondo – www” è stata tessuta in una dimensione al di là del materiale e allo stesso tempo, si trasforma nella materia: attrezzature, testo, immagine, suoni e dati.

Una rete che non è visibile ad occhio nudo, anche se la sua forza e la potenza di trasformazione siano utilizzati e percepiti nel modo sensoriale. Senza rendersene conto, la società moderna ha incontrato questo magnifico gigante smaterializzato ancora senza legge e criteri stabiliti dall’uomo.

Uno spazio libero e neutrale nelle mani del potere d’acquisto del capitalismo, che si approfitta dei suoi vantaggi commerciali, ma non controlla le sue vie. È l’incantesimo contro lo stregone.

Non è la tecnologia che è brutta.

E ‘l’uomo che non sa usarla. Abituati da sempre a vivere sotto regole imposte e freni religiosi, gli uomini si sono persi in mezzo a tanta libertà, soprattutto perché il virtuale non è la materia è la mente, è l’azione, la coscienza o incoscienza / inconsistenza. In questo caos di comunicazione, l’artista si presenta come un decodificatore del momento nella lettura di quel che è bello nel mondo.

La ricerca condotta nella prima parte di questo lavoro mostra che un sito dedicato specificamente alla divulgazione di eventi, come la Curitiba Interativa, riceve una media di 3.486 visite al giorno, questo significa 145 persone all’ora, da qualsiasi parte del mondo. Su un sito che informa eventi con agenda, è molto più facile ottenere la divulgazione di quello che è in un giornale stampato.

Nel caso di un giornale stampato, Folha de Londrina e lo Estado do Paranà, le vendite giornaliere sono circa 30 o 40 mila copie in circolazione in una sola area, in Paraná e Curitiba di forma specifica. Il segmento generato on-line nel caso dello Estado do Paranà registra 28 000 visite al giorno. Questo significa che oltre mille persone vengono alla pagina per ora, anche da territori diversi.

Il Museu Oscar Niemeyer, uno dei più grandi dell’America Latina, riceve una media di quattromila visitatori al giorno per vedere diversi tipi di spettacoli. Tuttavia, è un spazio culturale molto ricercato nella capitale e ha dei criteri per la sua selezione, compresi i politici. E’ importante richiamare l’attenzione al dettaglio che questi luoghi sono inseriti in uno spazio territoriale e copre un pubblico specifico.

Se, infatti, consideriamo solo questi dati per la divulgazione delle esposizioni sui giornali e siti specializzati, è possibile verificare che la questione non è legata solo con i numeri.

Velocità

Uno spazio fisico che abbia un numero grande di visitatore non può essere paragonato a Internet, perché perderà “in anni luce,” a causa della velocità. L’utente dell’Internet interagisce e può vivere in altra parte del mondo e accedere al sito di Curitiba, parlare in tempo reale con la persona o entro pochi giorni ricevere la risposta.

L’indagine ha rilevato che nello spazio on-line Paraná, l’Internet non è stata pienamente scoperta nel segmento arte e colta al suo pieno potenziale. Circa 200 nomi ricercati dalla ricercatrice, poco più del 10% hanno portafoglio virtuale.

Il portafoglio virtuale Douglas Mayer registrava dal 2000, esattamente 22.482 visita quando la ricercatrice è entrato nel sito, questo significava 11 visite al giorno da quando è stato creato. Se un’altra persona clicca di nuovo questo numero sicuramente sarà più grande. Questa è la grande magia e dinamica che ha affascinato coloro che hanno inventato la rete.

Nulla è statico in questo universo diverso dal mondo fisico.

I vantaggi dello strumento on-line come un mezzo per pubblicizzare e commercializzare l’opera d’arte è già evidente solo con queste cifre esigue, considerando che il portafoglio è esposto al mondo e possono persistere per tutta la vita dell’artista, senza limite di tempo.

L’ambiente on-line consente l’accesso ad un pubblico di diverse nazionalità e non è limitato solo alla popolazione del luogo in cui si svolge la manifestazione o l’artista vive. Attraverso Internet l’artista può rivelare apertamente le sue idee e promuovere il suo lavoro, interagendo con il pubblico di qualsiasi età, nazionalità, esperti o no di arte.

Alla fine, è possibile intravedere che la “La Rete della misura del mondo” potrà essere, sì, uno strumento di democratizzazione dell’arte, ma con l’avvertenza che la tecnologia richiede una società più evoluta culturalmente e socialmente. Ancora con un’altra eccezione, il web ha meno di 50 anni, troppo giovane perché commettiamo l’imprudenza di trarre conclusioni precoci e definitive sull’argomento. Questo atteggiamento sarà ripetere, su una diversa scala di valori, quello che ha detto Charles Baudelaire, nel XIX secolo, della fotografia:

‘Ma se gli è consentito di invadere il dominio dell’impalpabile e dell’immaginario, tutto solo che vale è perché l’uomo aggiunge l’anima, che vergogna per noi!

‘La fotografia ha causato qualche problema al campo delle arti visive?

La possibile deduzione è dire che l’Internet può essere inserita allo stesso concetto della Fisica Quantica, dove nessuna delle proprietà di qualsiasi parte di questa rete è fondamentale; derivano tutte dalle proprietà di altre parti, e la consistenza globale delle sue interrelazioni determina la struttura di tutta la rete.

Forse nel ventiduesimo secolo, i nostri discendenti sapranno rispondere se l’uomo ha saputo utilizzare come dovrebbe e se è stato valido per noi comuni mortali. “

Comentários Facebook

comentarios