Cosa nasconde dietro all’opera di Botticelli in Primavera
22 de November de 2018

Cosa da leggere quando cambia le stagione

Hidden Sun - Obra de Zilvinas Lanzbergas, Bienal de São Paulo 2018, un sguardo fatto da una parte che si vedi la natura nel Parco Ibirapuera. Un sguardo di Marcovaldo.

Attenzione ai lettori voraci!…Attenzione a tutti coloro che amano leggere libri sulla vita quotidiana e la semplicità del bello. Attenzione chi ama la letteratura e chi non ha ancora letto nulla di Italo Calvino. Suggerisco di metterlo nella sua lista; a proposito … lo mette nel top della lista!

Un libro di Italo Calvino è arrivato nelle mie mani mentre ancora studiavo l’italiano, ciò perché volevo essere in grado di leggere alcuni autori nella lingua originale. La mia insegnante, Alexia, poi mi disse che se volevo leggere uno scrittore che scriveva molto bene in italiano, dovevo leggere Italo Calvino.  Lei ha dimenticato di raccontarmi del meraviglioso mondo che ero per scoprire quando una delle storie di Calvino è arrivata a me.

Marcovaldo

Lì ci sono Calvino, Marcovaldo e me. Cercando nella grande città la poesia che nasconde. Chi è Marcovaldo? Marcovaldo è il personaggio principale del romanzo che si intitola con il suo nome. Marcovaldo è l’uomo semplice della grande città. Colui che nessuno parla, nessuno ha visto; che si nasconde dietro milioni di ragazzi della classe operaia nel mio e nel suo paese.

Come Calvino lo descrive; Marcovaldo è un’anima semplice, un grande padre di famiglia che a volte lavora come muratore o come commerciante di un’azienda. Malcovaldo viene dalla campagna o è questo che capiamo. Perché la poesia in prosa di questo libro di Calvino riguarda proprio quei piccoli dettagli che un padre della famiglia operaia e sofferente può trovare in città.

E così il libro inizia:

“Nel mezzo della città di cemento e asfalto, Marcovaldo va alla ricerca della natura. Ma c’è ancora? Ciò che trova è una natura dispettosa, di proposito, impegnata nella vita artificiale. ”

E così guardo tutti i giorni per questa città, quella che vivo. Proprio come una volta avevo guardato Curitiba. Sembra che tra tanta casa, così tanto shopping, tanto parco a tema stiamo perdendo l’umanità delle città … le stiamo trasformando in mostri a favore dell’avanzata, a favore della logica postmoderna.

E dove sono rimaste i cittadini? Condannato a guidare un’auto senza marciapiede ?! Da entrare nei centri commerciali senza finestre e che nascondano l’uscita in modo che Lei venga perdersi in mezzo a così tanto consumo. Per molto tempo ho vissuto in questa dinamica. Nelle dinamiche americane tanto acclamate in Brasile.

E dove sono rimasti i cittadini? Condannato andare soltanto con la macchina in una città senza marciapiede ?! Entrare nei centri commerciali senza finestre e andare dentro senza trovare la via d’uscita in modo da perdersi in mezzo a così tanto consumo. Per molto tempo ho vissuto in questa dinamica. Nelle dinamiche americane tanto acclamate in Brasile.

Tredici anni fa che sono arrivata in Europa, in quella epoca tutto mi sembrava strano. Questa cosa di fare compra non in shopping, così nelle vie, andare da un posto all’altro senza una macchina, bere un caffè con gli amici, far pagare più tasse qualcuno che c’è una macchina. Qui ho visto l’umano che può essere una città.

Prendere metropolitano, camminare in centro, incontrarsi nelle caffetterie, trascorrere giornate piovose  in cinema (che si trova fuori centro commerciale, nelle vie) e nelle giornate di sole passare nel parco.

Qui ho visto che è necessario avere posti bellissimi, eleganti edifici e che vengano in armonia con la natura esistente. Altre città più umane. Questo è ciò che chiamiamo. Gli esempi abbondano: Bruxelles, Amsterdam, Amburgo, Lisbona, Roma, e la lista continua.

Vita artificiale di meno

Andando per le vie di Madrid, il municipio ha cercato di mettere frasi, una poesia in ogni passo della zebra. Proprio lì sull’asfalto, sul terreno … Mentre aspettiamo il segno, possiamo fermarci a leggere questa frase, questo pensiero, questa poesia …

Quindi, forse questa frase porta a un’idea, un pensiero che faccia sorggire dentro di noi un sguardo distinto di tutto quello che ci circonda.

Questa è l’idea del libro di Calvino. Dal mettere su un personaggio semplice, la possibilità di guardare una città come nessun’altra. Vedere la poesia e la grazia dove nessuno vedrebbe e prende la loro vita ingrata giorno per giorno meglio di molti che vivono comodamente.

“Questo Marcovaldo aveva un occhio che non era adatto alla vita della città: avvisi, semafori, vetrine, cartelli luminosi, poster, non importava quanto studiassero per attirare l’attenzione, non fermava mai il suo sguardo, che sembrava essere perso nelle sabbie del deserto. Appunto, non aveva una foglia gialla in ramo su albero, una piuma intrappolata in una terrazza non gli era mai sfuggita: non c’era una mosca sul dorso di un cavallo, una termite in un tavolo di legno, una corteccia di fico schiacciata sul marciapiede che Marcovaldo non osservasse e commentasse, scoprendo i cambiamenti delle stagione, i suoi i desideri più intimi e le miserie della sue esistenza “.

Marcovaldo è una lezione di vita per tutti coloro che non sanno vedere oltre l’ombelico che la vita è una poesia in sé. Marcovaldo è la prova che chiunque, per quanto umile, ha la capacità di vivere e condurre una vita piena di avventura e magia, e che non è necessario avere studi o essere intellettuale per godersi un tramonto, la crescita di una pianta o la luna piena in estate.

Masrcovaldo è contento dell’odore della cibo, dorme su una panca in estate, va al cinema in autunno e coltiva una pianta nell’ufficio del suo capo.

Marcovaldo è felice da vivere. Sto imparando con Marcovaldo … e con Calvino … quella felicità è ciò che decido e concedo potere …

Comentários Facebook

comentarios

Jaqueline D`Hipolito Dartora
Jaqueline D`Hipolito Dartora
Formada em Jornalismo na Universidade Santiago de Compostela. Jornalista por vocação, já viveu em muitos países (Brasil, Portugal, Inglaterra, Espanha), em busca de desafios. Atualmente trabalha no departamento de Marketing da Tyco Integrated Fire & Security (parte do grupo Johnson Controls) como Campaign & Sales Enablement Manager Continental Europe, apesar de que escrever é a sua verdadeira paixão. E o mundo do vinho também. Além disso, dedica-se a promover formas mais sustentáveis de vida, como o uso da bicicleta em Madri, colaborando com o blog "Muévete en Bici por Madrid". Colabora com alguns blogs e escreve contos em inglês, português e espanhol.

Lascia un commento

Your email address will not be published. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.