La testimonianza da Frans Krajcberg
20 de November de 2017
I biglietti affettuosi diventano arte
16 de March de 2018

Il lato oscuro dell’anima: Fyodor Dostoevskij

Il russo Alexey Remyzov, durante l’esilio a Parigi nel 1927, ha scritto: “La Russia è Dostoevskij, non esiste senza Dostoevskij”.

Quando ero bambino, la nostra casa era piena dei classici della letteratura mondiale, in particolare di romanzi. Scrittori americani, russi, europei e tanti altri erano a nostra disposizione. Per questo motivo ho conosciuto molti scrittori e tra questi Dostoevskij. Fin dalla tenera età lo ho trovato diverso dagli altri perché nelle sue opere mostrava il lato oscuro delle nostre anime. Ho concluso che gli scrittori erano divisi tra due classificazioni: Dostoevskij e gli altri.

“Chi non vuole uccidere suo padre? “

Il scrittore è nato a San Pietroburgo, città nota per le sue attività culturali e gli edifici storici, nonché per la sua fama sull’arte.
Oggi è accetto da alcuni biografi, ma senza prove concrete, che il Dr. Mikhail Dostoevskij, il padre dello scrittore, sia stato assassinato dai propri domestici della sua proprietà rurale nella città di Daravói, indignati per i maltrattamenti per loro sofferti. Ecco perché lo scrittore ha scritto la famosa domanda nel suo capolavoro “I fratelli Karamazov”: “Chi non vuole uccidere suo padre?” Secondo alcuni critici e Freud, questo libro è la migliore opera della storia.

Nei suoi libri ci sono numerose frasi del poeta romantico tedesco Friedrich Schiller e Gogol, scrittori che lo hanno influenzato.

Dostoevskij è riuscito conquistare fama con il suo primo romanzo, Povera Gente.

Anche il suo altro libro “Delitto e Castigo” è un romanzo indimenticabile.
Le sue opere esercitano una grande influenza sui romanzi moderni.

Il Circolo di Petrasevskij

Dostoevskij fu arrestato il 23 aprile 1849 per aver partecipato a un gruppo intellettuale liberale chiamato Petrashevski Circolo, con l’accusa di cospirazione contro Nicola I di Russia. È stato in carcere in Siberia. Liberato nel 1854. Dopo anni di carcere le sue idee cambiarono completamente e queste esperienze furono raccontate nel suo libro Memorie dalla casa dei morti.
Tra tutti i suoi libri, i miei preferiti sono “Fratello Karamazov”, “Delitto e castigo”, “L’idiota” e “Memorie dalla casa dei morti”.

Alcune frasi dei suoi libri sono speciali. Quelle che mi piacciono sono:

“Non mi sono inginocchiato davanti a te, ma a tutti il dolore umano.” Delitto e castigo

“Se vuoi conquistare il mondo intero, conquisti prima a sé proprio ” , Gli indemoniati o Gli ossessi. – I demoni
“È meglio essere infelici, però consapevoli di questo, che essere felici e vivere come un’idiota.” L’idiota
“L’inferno è la mancanza di fiducia.” I fratelli Karamazov”.

Il russo Alexey Remyzov, durante l’esilio a Parigi nel 1927, scrisse: “La Russia è Dostoevskij, non esiste senza Dostoevskij”.
L’influenza di questo scrittore è immensa in Hemigway, Hermann Hesse, Marcel Proust, William Faulkner, Albert Camus, Franz Kafka, Yukio Mishima, Garcia Marquez ecc.
Per tutta la sua vita lo scrittore ha sofferto a causa della mancanza di denaro. Morì nel gennaio 1881 e è stato sepolto nel cimitero di Tikhvin presso il monastero Alexander Nevsky a San Pietroburgo. È ancora uno dei grandi scrittori della storia e credo che lo sarà per molti altri anni.
Se vuoi dare un’occhiata al lato oscuro della tua anima, suggerisco di leggere le sue opere. Garantisco che non sarai deluso.

Comentários Facebook

comentarios

Erol Anar
Erol Anar
Erol Anar nasceu em Havza na Turquia, estudou em cursos de Antropologia (durante dois anos), História da Arte (durante dois anos) e pintura (durante um ano) nas universidades de Istambul, Ancara e Samsun. Foi membro da Associação dos Escritores Turcos, trabalhou no Centro de Arte Contemporânea de Ancara onde foi orientador de leitura da obra de Dostoiévski e da literatura universal durante 10 anos. Ganhou prêmios. Escreveu em diversos jornais, vários artigos foram sobre arte, direitos humanos, literatura e a vida cotidiana. Ainda teve entrevistas veiculadas em jornais de diversos países e tem 15 livros publicados no idioma turco.2 Deles foram traduzidos para português.

Lascia un commento

Your email address will not be published. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.