WWOOF: un progetto di vita
15 de October de 2017
Amelia in tre epoche
16 de November de 2017

Biblioterapia come trattamento di cura

Leggendo - Ricardo Cejudo Nogales ( Espanha, 1952)

Fin da quando sono arrivata in Europa ho affrontato una serie di problemi che mai avevo provato prima. Mi ricordo sempre del sentimento di orgoglio e paura ogni volta che ero di fronte a qualcosa di nuovo. La lingua, la cultura, la distanza erano indubbiamente difficili, ma ancora più difficile era affrontare questi sentimenti che turbinavano dentro di me e, sicuramente, non sapevo come erano arrivati o come erano scomparsi.

Avevo 20 anni, ero in un nuovo paese e nessuno mi aveva spiegato quanto siamo inconstante e anche o quanto vulnerabili possiamo essere e, intanto è normale questa sensazione. Non che fosse il dovere degli altri spiegare ciò che mi è stato di fronte, anche perché la maggior parte delle persone non capisce nemmeno cosa sta succedendo con loro.

Ma è vero che quello che ho vissuto, non in forma di esperienza ma di sentimenti, ognuno ha vissuto o vivrà un giorno. E dal momento che viviamo in un mondo che ci impegna ad essere coesivi e coerenti, finiamo per non parlare mai sul questo e diventiamo a pensare che siamo gli unici che ci sentiamo in questo modo.

Un mondo e culture diverse

Il mio soldi era poco. Non aveva nemmeno per andare allo psicologo e doveva affrontare i problemi, uno per uno, senza procrastinare o scappare da loro. Lavoro, denaro, amore, abbigliamenti, conti … la vita all’estero non era differente dalla vita in Brasile. Ci troviamo di fronte alle stesse situazioni ogni giorno, solo in un contesto diverso, in una cultura differente della nostra e con forme complesse di comportamento in un primo momento.

E’stato il momento che mi sono rifugiato nei libri, neanche sapevo lo perché di questo comportamento, ma come sempre leggere è piacevole a me, ho visto nei libri una forma di ozio senza costo nessuno  e molto saldabile. Come il mio inglese era debole, ho concluso che leggendo in un’altra lingua mi ha fornito le conoscenze e gli strumenti per affrontare la vita quotidiana – a quel tempo cercavo solo una maggiore fluidità della lingua, del vocabolario e  capire bene le strutture semantiche della lingua.

Naturalmente questo era solo l’inizio. Quanto più leggevo e meglio ho sviluppato il mio vocabolario, anche ho cominciato a rendermi conto dell’importanza della letteratura in altri contesti: la lettura dei classici mi forniva conoscenza sulla cultura che nessuno poteva spiegare. Riuscivo a fare confronti con i personaggi del romanzo e inserirli nel contesto attuale. Wow, quanto si impara sulle persone leggendo.

Leggendo i classici

È curioso, ma nessuno parla veramente del tempo risparmiato capendo una cultura o certi comportamenti leggendo i classici dallo paese. E’ più che uno strumento semantico, la letteratura mi ha aiutato a comprendere le culture, e con questo mi hanno dato le idee su come interagire con le persone. I racconti di Dickens, Allan Poe, Chekov,  Beckett, Joe Osborne o addirittura Harold Pinter mi hanno fornito conoscenze storiche su un’era e allo stesso tempo conoscenza su come le persone sono da lì.

Oltre ad essere piacevole la storia, ero capace di vivere la vita più intensa di ciascuno dei personaggi. Voleva bene loro e capiva i loro problemi meglio da quando un amico raccontava il suo. È così che ho cominciato a capire i problemi delle persone che mi circondavano. Ognuno che mi ha parlato da qualche problema, preoccupazione o afflizione, ho coscienziosamente cercato nei libri, il modo di fare un parallelo tra la vita del personaggio e la vita di quella persona per dare opzioni su come affrontare una certa situazione.

Biblioterapia

Ho avuto amici che mi hanno chiamato direttamente e ho chiesto se avessi delle risposte nei libri che ho letto. Erano sessioni di biblioterapia in ogni regola.

Ma l’empatia non si trova solo negli altri, ma anche in se stessi. La comprensione e l’empatia con voi non è facile, ma è senza dubbio necessario. Ho capito molto sui miei comportamenti e sentimenti leggendo Milano Kundera, Tolstóis, Clarin e Machado de Assis.

Milan Kundera

Kundera era lo più importante di loro.  Deve essere perché in due anni ho letto tutte le sue opere. Non sono stato in grado oggi di trovare un tale scrittore tratta con tanta sensibilità sulla miseria umana e sul comportamento improprio che abbiamo semplicemente perché non siamo sinceri con noi.

Un giorno, quando stavo parlando con un amico al telefono, lo dice che stavo aiutando a risolvere un problema d’altro amico e cercavo nei libri alcune risposte al dilemma. Lui ha cominciato a ridere e mi ha detto:

– Se vivi molte vite con libri.

Aveva ragione. Era questo la chiave di tutto. I libri mi hanno dato la possibilità da vivere molte vite, da conoscere molte storie e contesti, di essere molte persone diverse, da avere problemi che non ho mai avuto, da sperimentare i sentimenti che non conosco e più che ciò, di comprendere la razza umana in tutta la sua pienitudine e complessità .

Siamo esseri diversi, pensiamo diversamente, agiamo in modo diverso e ci comportiamo in modi diversi. I libri parlano su tutti questi personaggi: dal rapitore al ladro di pollo, dall’amante innamorato di due persone diverse, alla donna devota, al marito infedele, al figlio obbediente, alla controversa, alla zia vendicativa.

Nei romanzi, i personaggi non sono mai lineari. La loro complessità li rende reali e possiamo vedere in loro uno specchio delle persone che abbiamo intorno a noi o noi stessi.

  Circa due anni fa ero a Londra presso la Scuola di Vita facendo un corso di biblioterapia. Questo corso si trattava esatamente su quello che scrivo su come la letteratura è stata in grado di aiutarci a comprendere i nostri problemi, i nostri sentimenti e come dovremmo usarla per un processo di auto-aiuto e conoscenza di sé.

Mondo complesso

Viviamo in un mondo complesso, ogni volta più veloce e che ci ritirano minuti della nostra vita nel modo più basso possibile. Comprendere noi stessi e il nostro ambiente è un compito praticamente impossibile in questo mondo iper-frammentato e postmoderno in cui viviamo.

La lettura è un modo per contrastare questo tempo perso e fare che quelle ore  davanti a un libro diventano una conoscenza intrinseca di come vivere  con sé stesso e con gli altri.

Stiamo cercando il tempo perso…

*Jaqueline D’Hipolito Dartora è giornalista brasiliana laureata in Giornalismo presso l’Università di Santiago di Compostela. Una giornalista per vocazione che ha vissuto in molti paesi (Brasile, Portogallo, Inghilterra, Spagna), in cerca di sfide. Attualmente lavora in marketing di Tyco Integrated Fire & Security (parte del gruppo Johnson Controls) come Campaign & Sales Enablement Manager Continental Europe, anche la scrittura sia la sua vera passione. E anche il mondo del vino. Inoltre, è dedicata alla promozione di forme di vita più sostenibili, come l’uso della bicicletta a Madrid, collaborando con il blog “Muévete en Bici por Madrid”. Collabora con alcuni blog e scrive storie brevi in inglese, portoghese e spagnolo.

 

Comentários Facebook

comentarios

Jaqueline D`Hipolito Dartora
Jaqueline D`Hipolito Dartora
Formada em Jornalismo na Universidade Santiago de Compostela. Jornalista por vocação, já viveu em muitos países (Brasil, Portugal, Inglaterra, Espanha), em busca de desafios. Atualmente trabalha no departamento de Marketing da Tyco Integrated Fire & Security (parte do grupo Johnson Controls) como Campaign & Sales Enablement Manager Continental Europe, apesar de que escrever é a sua verdadeira paixão. E o mundo do vinho também. Além disso, dedica-se a promover formas mais sustentáveis de vida, como o uso da bicicleta em Madri, colaborando com o blog "Muévete en Bici por Madrid". Colabora com alguns blogs e escreve contos em inglês, português e espanhol.

Lascia un commento

Your email address will not be published. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.